In queste settimane ho pensato molto ai miei viaggi passati e futuri e non ho voluto cedere alla tristezza o alla rassegnazione.

Mi sono chiesta quale potesse essere il modo migliore di viaggiare pur restando a casa. Mi sono venute in mente tante cose: libri, musica, arte…. e la verità è che solo una racchiude la poesia dell’arte, la melodia della musica e la fantasia dei libri ….. La Cucina e le sue antiche tradizioni! 

Ho voluto incontrare mamme, famiglie e persone multiculturali e domandare loro qual’è il piatto che gli  ricordasse la loro  terra e che il solo profumo li proiettasse esattamente lì , magari a tavola per una ricorrenza, durante una festività a casa della nonna o di fianco alla mamma con il mestolo in mano.

Inizierò con il racconto di una mamma dolcissima, Manuela, e per farlo userò le sue parole ed una ricetta da provare non appena possibile.

Buon Viaggio amici, oggi andiamo in Colombia con i Patacones ……

Ciao! Mi chiamo Manuela, ho ventotto anni e sono la creatrice del sito inviaggioconlupita.com

Nel mio Blog , che vi invito a visitare, potrete trovare attività, laboratori, corsi ed incontri a Bologna per i nostri bimbi. Proveremo a raccontarvi le nostre avventure e ad illustrarvi tutte le opportunità baby-friendly presenti a Bologna

 

Sposata con Felipe, abbiamo una bimba, Guadalupe (da qui il nome in viaggio con lupita!) e siamo una famiglia bilingue!

Abbiamo sempre pensato all’educazione bilingue come una scelta quasi obbligata: proveniendo da due culture “forti”, quella italiana – io, e quella colombiana – mio marito, ci è sempre sembrato bellissimo ed importante trasmettere a nostra figlia entrambe le lingue, italiano e spagnolo! Entrambi poi parliamo inglese e francese, per cui nella nostra casa le lingue non mancano!


Viviamo in Italia e in casa parliamo un mix di italiano e spagnolo, anche se ora ci stiamo sforzando sempre di più nel mantenere ognuno la propria lingua, così che Guadalupe non vada troppo in confusione. 

Missione fallita in partenza ovviamente!

 

Adoriamo cucinare. Mio marito è uno chef mancato!!!

Cuciniamo di tutto, ma adoriamo la cucina etnica e sperimentare SEMPRE! 

Un piatto che ci manca e che adoriamo alla follia sono i patacones: frittelle di platano da mangiare da sole o accompagnate da salse. Il paradiso della frittura insomma, ma una vera delizia! Ogni tanto riusciamo a reperire il platano nella nostra città Bologna e li facciamo, ma il platano colombiano non ha rivali !!!

Questi siamo noi!! In colombia a dicembre! 🌸

Ingredienti per 2-3 persone

 1 platano (verde o giallo)

 q.b. di sale

 Per Friggere:

 q.b. di olio di semi

  1. Per preparare il platano fritto prima di tutto dovrete pulire il platano
  2. A questo punto potete affettare il platano a rondelle dello spessore di un paio di centimetri circa.
  3. Riscaldate abbondante olio di semi in una padella dai bordi alti e quando l’olio è ben caldo immergetevi le rondelle di platano e friggetele, fin quando non le vedrete dorate. Giratele ogni tanto per dorarle uniformemente.
  4. Scolate il platano fritto e riunitelo in un piatto, ora conditelo con sale.
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *